Lapidi ai caduti della Pianaccia

14 luglio 1979
a ricordo delle vittime dell'eccidio
nazifascista compiuto 35 anni fa
circoli a.r.c.i. di
chiesina m.
chiazzano
pontenuovo
nespolo
santomato
in questa località il 14 luglio 1944
vennero uccisi da rappresaglia
tedesca-fascista

FERRATI BRUNETTO di anni 42 da montale
MEONI ALFONSO di anni 54 da montale
PELI DANTE di anni 44 da montale
PELI GUIDO di anni 46 da montale
MEONI RUTILIO di anni 48 da montale
DAVINI TURIDDO di anni 36 da prato
VACCAI VANNINO di anni 21 da pistoia
DANESI MARCELLO di anni 21 da pistoia
CECCHI GINO di anni 40 da agliana
NEROZZI DINO di anni 27 da agliana
TONSONI ELIO di anni 38 da agliana

la sezione del p.c.i. di montale
nel giorno del suo anniversario
pone questa memoria
perché i posteri ricordino
la barbaria tedesca
---

Sulla facciata si legge: Tenuta Santomato - cannicciaia - Pianaccia

Fotografie

Giovanni Baldini, 14-2-2008
foto originale [6.2 MB] in una nuova finestra
[Creative Commons - Attribuzione 3.0]
Giovanni Baldini, 14-2-2008
foto originale [3.5 MB] in una nuova finestra
[Creative Commons - Attribuzione 3.0]
Giovanni Baldini, 14-2-2008
foto originale [4.5 MB] in una nuova finestra
[Creative Commons - Attribuzione 3.0]
Giovanni Baldini, 14-2-2008
foto originale [5.3 MB] in una nuova finestra
[Creative Commons - Attribuzione 3.0]

Scheda

Comune di Montale (PT), località Monte Pratocavolo.
Tipologia: lapide.
Descrittori: civili, eccidio, luogo esatto, nomi.
Riferimenti geografici: 43.962168N, 11.011621E | 43° 57.730N, 11° 0.697E | 620m s.l.m.

Nella mappa sono rappresentati il monumento in questione, in rosso, e i 3 monumenti censiti nel raggio di 3 chilometri.
Altrimenti potete vedere la mappa di tutti i monumenti del comune di Montale (PT).

Sulla strada provinciale 24, detta della Riola, all'altezza del chilometro 10 si prende il sentiero CAI numero 34. Il sentiero scende per circa un chilometro e mezzo passando a lato dei poggi Stietta e Cerreto.
Prima che si cominci a salire verso la vetta del Pratocavolo, in uno spiazzo coperto di ginestrella si incontra una biforcazione che scende sulla destra e la si prende, abbandonando così il sentiero CAI.
Si entra in un'abetaia e s'incontrano i ruderi della colonica di Fonte al Carpine, entro 50 metri c'è un nuovo bivio e si prende ancora per la strada che scende sulla destra. In breve si esce dall'abetaia e si avvista la sottostante Villa Rossa, anch'essa ridotta a rudere, riconoscibile in quanto sopravvivono pezzi di intonaco rossastro.
Si passa di fronte alla Villa Rossa e si volta a sinistra per scendere ulteriormente, entro 100 metri la strada curva a destra e arriva alla cannicciaia con le lapidi. In tutto si è percorso poco più di 2 chilometri.

Raggiungere questo monumento

Questo monumento è stato censito da Giovanni Baldini il 14-2-2008.


Permalink a Lapidi ai caduti della Pianaccia - Montale (PT): http://www.resistenzatoscana.it/monumenti/635/


con Jrank
ResistenzaToscana.it - Le associazioni federate