La battaglia di Frassine

di Giovanni Baldini, 27-9-2004, Creative Commons - Attribuzione 3.0.

Questa storia si svolge nel comune di Monterotondo Marittimo (GR).

Monumenti che si riferiscono a questi fatti:
- Cippo ai caduti di Frassine - Frassine, Monterotondo Marittimo (GR)
- Lapide di Campo al Bizzi (*) - Frassine, Monterotondo Marittimo (GR)
- Lapidi del municipio - Massa Marittima (GR)
- Lapidi di Porta Selci (*) - Volterra (PI)

I monumenti segnati con l'asterisco si trovano sul luogo dell'accaduto

Formatasi i primi di gennaio del 1944 la 3° Brigata Garibaldi si attestò nei pressi del paese di Frassine, disponendosi in un ampio semicerchio sulla cima delle colline circosanti.
La brigata era comandata da Mario Chirici, repubblicano di vecchia data e pluridecorato durante la prima guerra mondiale.
Nel primo mese di vita l'attività fu ridotta, concentrandosi soprattutto nell'organizzazione e nella gestione degli approvvigionamenti e nel fornire una preparazione militare adatta ai molti giovani che erano affluiti.

La mattina del 16 febbraio salirono al cielo razzi traccianti da più punti, era l'inizio di un attacco in forze dei fascisti.
Operando un rastrellamento secondo quattro direttrici resero immediatamente chiaro al Chirici non solo che l'attacco era ben pianificato ma che il sistema difensivo partigiano aveva fallito.
A quel punto vennero organizzate nuove squadre per rallentare i fascisti e dare il modo a tutti i partigiani di ritirarsi.

I due casolari più esterni della zona occupata dai partigiani furono però subito accerchiati, su Poggio Rocchino i partigiani rimasero subito senza munizioni e si arresero. A Campo ai Bizzi invece, nonostante la sorpresa, riuscirono a tenere la posizione per del tempo finchè feriti non vennero catturati.
I cinque di Campo ai Bizzi vennero finiti sul posto a colpi di pugnale, mentre gli altri quattordici partigiani catturati durante l'operazione verrano trasportati prima a Massa Marittima e poi a Firenze.
Nel frattempo alcune squadre erano riuscite comunque a respingere i fascisti ma non poterono contrattaccare perchè questi si ritirarono facendosi scudo dei coloni e dei partigiani catturati.

Dopo la cocente sconfitta della battaglia di Frassine, subita per l'impreparazione (le munizioni tenute troppo lontane dai posti di guardia, le vedette addormentate) e la disomogeneità dei partigiani, le polemiche furono fortissime. Da questi fatti nacque, con una scissione della componente comunista, quella che si chiamerà 23° Brigata Garibaldi, detta "Boscaglia" (vedi anche Ponte del Pavone).

Una nota sulla battaglia di Frassine

Carlo Groppi, autore di ricerche sulla resistenza in Maremma e nelle colline metallifere, ci ha gentilmente inviato un breve documento.

Campo ai Bizzi
Campo ai Bizzi
Giovanni Baldini, 27-9-2004
foto originale [570.9 KB] in una nuova finestra
[Creative Commons - Attribuzione 3.0]
I segni dello scontro
I segni dello scontro
Giovanni Baldini, 27-9-2004
foto originale [587.0 KB] in una nuova finestra
[Creative Commons - Attribuzione 3.0]

con Jrank
ResistenzaToscana.it - Le associazioni federate